Home Lo studioCurriculumCosa fare in caso di...ContattiDieteVaccinazioniPubblicazioni

Febbre

domenica 25 ottobre 2015, di admin

LA FEBBRE

Cosa é

La temperatura corporea varia da persona a persona, durante l’arco della giornata (é più alta nel pomeriggio) e può essere normalmente più elevata in alcune occasioni: durante il sonno, subito dopo i pasti, dopo uno sforzo, in caso di riscaldamento eccessivo dell’ambiente. L’aumento della temperatura corporea rappresenta una reazione di difesa dell’organismo all’attacco da parte dei microbi (non é la malattia!) e se la febbre non é troppo elevata non va subito combattuta, specialmente se le condizioni generali si mantengono buone. La febbre è amica e non nemica dei bambini. Come si misura La misurazione più attendibile è quella ascellare va effettuata usando un termometro elettronico a bulbo allungato e flessibile. La temperatura é normale fino a 37,3° C. Cosa fare

Se il vostro bambino ha la febbre dedicatevi a lui, osservate il suo comportamento, consolatelo, giocate con lui: com’é il suo pianto? forte, consolabile ma attenzione se é un gemito continuo e ininterrotto. come risponde agli stimoli? é vivace oppure ha eccessiva sonnolenza. ci sono altri segni di malattia? la tosse, il vomito, la diarrea, la respirazione difficile, macchie sulla pelle cercate di capire se c’é dolore e cosa duole. Intanto potete dargli sollievo : offrite da bere acqua, te, camomilla zuccherati, a piccoli sorsi, a volontà non forzatelo a mangiare non copritelo troppo (!) usate farmaci che abbassano la febbre, se essa supera 38,5° - 39°C rettale oppure 38°- 38,5°C ascellare, o se c’é eccessivo malessere.

Cosa non fare

Sono sconsigliati i mezzi fisici per abbassare la febbre( spugnature, bagni tiepidi e freddi, borse del ghiccio e frizione della cute con alcool) il cortisone e gli antibiotici non servono ad abbassare la febbre e vanno somministrati solo seconsigliati dal Pediatra! Quando consultare il Pediatra Se il vostro bambino é più grande di sei mesi e le condizioni generali sono buone, potete attendere somministrando eventualmente l’antipiretico. La maggior parte degli episodi febbrili del bambino sono piccole infezioni di natura virale che guariscono spontaneamente in breve tempo senza altri farmaci. Ricordate che il bambino con febbre può essere trasportato purché adeguatamente coperto. Segnali di allarme Se la febbre si accompagna a pianto debole od ininterrotto, se il bambino risponde poco agli stimoli, se presenta eccessiva sonnolenza, se la temperatura elevata persiste per più di 24 ore . Se il vostro bambino ha meno di sei mesi e ha la febbre alta (superiore a 39°C ).

Farmaci antifebbrili I farmaci antifebbrili devono essere impiegati nel bambino febbrile solo quando alla febbre si associ un quadro di malessere generale. il paracetamolo è Il farmaco di prima scelta per abbassare la febbre nei bambini Tachipirina,( Efferalgan, Acetamol etc.): si somministra per bocca in gocce o in sciroppo o, se il bambino vomita, in supposte. La dose é di 10-15 milligrammi ogni Kg di peso, ogni volta. Ricordate che: • il farmaco inizia la sua azione dopo mezz’ora-un’ora, e terminato l’effetto la febbre può risalire • le dosi possono essere ripetute ogni 5-6 ore se la febbre si mantiene elevata • é meglio non disturbare il bambino quando riposa tranquillo per misurare la temperatura, somministrare gli antipiretici, o altro DOSE OGNI VOLTA gocce 3 gocce ogni Kg di peso sciroppo un millilitro ogni 2 Kg di peso compresse 500 mg una compressa per peso superiore ai 40 Kg Attenzione! I misurini delle varie specialità possono avere dimensioni variabili. In caso di vomito sono disponibili supposte per lattanti, per bambini fino a 5-6 anni e per bambini più grandi. Esistono anche bustine. I farmaci che contengono paracetamolo possono essere acquistati in farmacia senza ricetta medica. L’ibuprofene può in alcuni casi essere un’alternativa alla tachipirina (Nurofen, Antafebal, Fevralt, Sinifev; Moment Kid) si può usare dai tre mesi di vita esiste in sciroppo e compresse. (non usar in caso di varicella, nel sospetto di broncopolmonite o in stato di disidratazione Dose per via orale: 10 mg per ogni kg di pso del bambino suddivisa in 3 somministrazioni (ogni 8 ore) sciroppo un millilitro ogni 2 Kg di peso ogni 8 ore L’uso combinato o alternato di ibuprofene e paracetamolo non è raccomandato sulla base delle scarse evidenze disponibili riguardo la sicurezza e l’efficacia rispetto alla terapia con un singolo farmaco.

Portfolio

bf

Questo sito aderisce ai principi HONcode.
SPIP | modello di layout | | Mappa del sito | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
Copyright Giovanni Vitali Rosati 2010